ARTIST STATEMENT

Sono un artista che vive di esperienze. Mi affascina la vita in toto, anche nelle sue difficoltà, e provo ad essere testimone del mio periodo storico. Assorbo energia dalla società contemporanea, dal mondo che mi circonda, che mi attrae e rattrista allo stesso tempo, e cerco di tradurre le paure e incertezze di questa epoca in opere d’arte che parlino quindi anche di me. Lo faccio attraverso un linguaggio artistico che oscilla sempre alla ricerca di un equilibrio tra estetica e sociale, in cui l’ago della bilancia resto comunque io e il mio stato d’animo. Non pongo limiti alla mia libertà sia nella scelta dei materiali che nelle riflessioni, e amo considerarmi un artista libero nel suo linguaggio, anche quando è effimero. Ogni lavoro per me ha una sua storia, una sua anima, composta da riflessioni che possono essere semplici o complesse, ma comunque impossibili da definire nella loro completezza, perché sempre in continua evoluzione. Gli oggetti delle mie istallazioni, fino ad oggi, sono stati materiali che hanno avuto una loro esistenza nel mondo, che sono stati distrutti dal tempo o dalla natura, e che attraverso la mia arte acquisiscono nuova vita e una diversa finalità. Anche le immagini che prendo da internet, dai social media, dalle riviste e in generale dal mondo che mi circonda e che uso come tela per i miei lavori, perdono la loro finalità originaria: il graffio, l’impronta, la pittura e la gestualità che appongo su queste immagini, a testimonianza dell’atto di prepotenza della società verso la natura umana, fa ottenere loro una nuova forma e le muta in stati d’animo, sia miei che dell’intera società, chiamata spesso a diventare assieme a me creatrice o testimone della mia riflessione. Ecco perché alcuni progetti prevedono l’intervento diretto dello spettatore sull’opera, oppure il coinvolgimento dello spettatore durante la mostra.
In breve, considero il mio lavoro artistico non un semplice prodotto, ma il risultato di un processo, un viaggio di andata e ritorno mai concluso tra la mia intimità, il mio istinto, la razionalità ed il mondo.